Fritto Misto dell’Adriatico, con spigola, calamari e gamberetti alla griglia.
la redazione

la redazione

Tutti pazzi per il Fritto Misto

Oggi siamo venuti a scoprire un nuovo nato tra i ristoranti di qualità ad un passo dal mare.

Si tratta di Biancomare, il ristorantino (come lo definiscono i due soci Gianluca e Danilo) nato quest’anno vicino al Bagno Rudy 144-145 di Miramare. Questo locale nasce dalla volontà di Gianluca e Danilo di offrire ai propri clienti una cucina di pesce semplice e gustosa, che predilige sempre i prodotti freschi e di stagione, trattati rispettando i sapori tradizionali e curando gli abbinamenti e la presentazione.

Appena arrivati il personale ci accoglie in questo arioso locale dai colori tenui che contribuiscono a rendere l’atmosfera estremante rilassata e tranquilla. Ci sediamo in uno dei tavoli che si affacciano direttamente sulla spiaggia e subito ci viene servito lui: il Fritto Misto dell’Adriatico, con spigola, calamari e gamberetti alla griglia.

A presentarci il piatto è lo chef Gianfranco Doria, 73 anni, veterano del mestiere e profondo conoscitore dei sapori che caratterizzano la nostra cultura culinaria. Gianfranco ha alle sue spalle una vita passata in cucina, non solo in quelle dei numerosi ristoranti in cui ha lavorato, ma anche in quelle di ristoranti di tutto il mondo. Per anni è infatti stato un Guest Chef, lo chef di eccezione in rinomati locali quali il Tuscany Restaurant di Los Angeles, il cui compito era quello di presentare e cucinare piatti della tradizione italiana (e soprattutto Romagnola) sia agli ospiti della serata che ai cuochi stessi del ristorante stesso. Ma gli Stati Uniti sono stati solo una delle mete raggiunte da Gianfranco: dalla Grecia alla Russia, passando per Cipro, sono centinaia le città che hanno ospitato lo chef di Biancomare per introdurre nei propri menù quel tocco di Italia che tutti ci invidiano.

Il piatto che ha preparato per noi oggi è il piatto dei buongustai come ama definirlo Gianfranco, perché al classico fritto si aggiungono anche pesci grigliati di vario tipo che riescono a soddisfare anche i palati più esigenti. L’esecuzione del fritto è poi da manuale: il gusto del pesce non risulta minimamente intaccato dal sapore dell’olio e ciò lo rende davvero piacevole e per nulla pesante.

Ascoltando i racconti di Gianfranco è possibile comprendere il profondo amore che prova per la cucina e per il proprio lavoro, amore che trasmette a pieno anche ai piatti che crea.

Il consiglio: se non lo mangi con le mani, godi solo a metà.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp