Piacere Spiaggia Rimini | Secondo Forbes è Rimini la città italiana da visitare nel 2019
799
post-template-default,single,single-post,postid-799,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,elementor-default,elementor-template-full-width,elementor-page-817
3
la redazione

la redazione

Secondo Forbes è Rimini la città italiana da visitare nel 2019

La nota rivista americana Forbes ha inserito la città di Rimini tra le destinazioni da visitare assolutamente nel 2019. Elogiata per le stradine color pastello del borgo, per il patrimonio culturale della parte romana e medievale e per il suo lungomare, nell’articolo Rimini viene descritta come una piccola gemma preziosa dell’Emilia-Romagna, ben collegata e ideale per più target di visitatori dai più disparati interessi – dalle attività culturali all’intrattenimento.

Un importante riconoscimento che accresce la fama e la credibilità di Rimini come centro di interesse turistico internazionale: la nuova immagine della città che ha strutturato la propria offerta in maniera tale da potersi adattare alle esigenze dei viaggiatori contemporanei, sempre più in cerca di originalità, autenticità e identità territoriale. Che la performance turistica a livello regionale sia positiva e incoraggiante, dopotutto, lo dimostrano i dati (ancora provvisori) del 2018, che segnalano un aumento sia in termini di arrivi (Rimini: +3% rispetto al 2017) sia di presenze (Rimini: +1,4% rispetto al 2017), confermando che i principali mercati di riferimento siano, a parte quello domestico italiano, quello russo (l’aeroporto riminese ha 4 collegamenti diretti con lo stato Russo), seguito da quello francese e infine quello svizzero. L’Emilia-Romagna ha centrato quasi 60 milioni di presenze nel 2018, dato che cresce ininterrottamente ormai da anni sia per i segmenti italiani sia per quelli stranieri: e se a guidarne il timone è la Riviera, che da sola intercetta 43 milioni di presenze e 7 milioni di arrivi, bisogna anche riconoscere che paiono in aumento tutti i tipi di flussi turistici regionali – specialmente quello delle città d’arte e dell’entroterra appenninico.

Rimini 14/08/2008 – “Back to the Beach”, foto aeree. © Manuel Migliorini / Adriapress.

Non è la prima volta, comunque, che la bellezza del territorio riminese sia notata da testate di carattere internazionale: nel 2018, l’Emilia-Romagna figurava nella Best in Travel, la famosissima e accreditata lista di destinazioni da scoprire della celebre guida Lonely Planet, come unica regione Italiana – e Rimini veniva presentata come fiore all’occhiello, ideale per “la cultura da spiaggia”. Nel 2015, il Telegraph, giornale britannico, aveva dedicato la sua rubrica “36 hours in…”, che raccomanda, sotto forma di racconto, le più svariate città del mondo viste dagli occhi di un viaggiatore per una toccata e fuga, alla città che ha dato i natali a Federico Fellini, scrivendo che “Rimini ha tutto quello che si può volere dall’Italia: la cultura, il sole e i borghi in collina“. E come dimenticare che soltanto un anno fa il New York Times inseriva Rimini, per la seconda volta nella storia del quotidiano statunitense, tra le 52 mete più belle del mondo?

Insomma, la presenza nella lista di Forbes arriva a chiudere una serie di riconoscimenti internazionali importanti che si è aperta già da qualche anno: un segnale ottimo per tutti gli operatori turistici che, insieme, contribuiscono al continuo sviluppo della città e riescono ad entrare in competizione con i colossi del low-cost del Mediterraneo, mantenendo la qualità e la percezione sempre alta agli occhi dei turisti.

 

 

 

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp